La macchina di un altro

Alla fine del turno di lavoro la macchina
è esattamente nel posto
dove l’avevo lasciata all’inizio eppure
sembra la macchina di un altro.

È infatti la macchina
dell’uomo che arriva al lavoro.
Ed io adesso sono invece
l’uomo che esce dalla fabbrica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...